Oderzo vendesi affitasi

sidenziale

mudanza
casa di proprietà, perché nonostante tutto gli italiani ci credono ancora

statistiche
12letture 0commenti
condivisioni:
facebook twitter via emailhttp://bit.ly/1ylcmTq
scritto da: team
15 luglio 2014, 11:18
gli italiani sono un popolo di proprietari di case, ma l’incertezza economica legata alla crisi e l’alta tassazione hanno spinto al minimo storico la percentuale di consumatori che nell’anno in corso hanno deciso di acquistare un immobile. eppure comprare casa rimane di gran lunga l’investimento più soddisfacente. a dirlo una recente indagine del centro einaudi sul risparmio e le scelte finanziarie degli italiani

la crisi economica ha fatto lievitare lo stock immobiliare invenduto, ma gli italiani che hanno bisogno di liquidità preferiscono mettere sul mercato le seconde e terze case. l’abitazione principale e il mattone come investimento sono target di riferimento molto richiesti dai risparmiatori, soprattutto rispetto alle altre forme di impiego

secondo l’indagine, infatti, il 5,4% dei risparmiatori intervistati dichiara di aver acquisato una casa per investimento negli ultimi 12 mesi per viverci (contro il 5,3% dell’anno precedente), lo 0,8% ha comprato una seconda casa (rispetto all’1%), lo 0,6% un’abitazione per i figli (contro l’1,1%), lo 0,8% lo ha fatto per investimentno per integrare il reddito (contro l’1,1%)

sebbene l’agenzia delle entrate abbia registrato un aumento delle compravendite nel primo trimestre del 2014 e si prevede una lieve ripresa entro fine anno, la fine del tunnel è ancora lontana. sicuramente lontani si è dal volume delle transazioni registrate negli anni del boom, che è irrealistico pensare possano tornare. a ingessare il mercato è sicuramente il ritardo con cui i prezzi si sono allineati alla riduzione delle compravendite. se dall’inizio della crisi le transazioni si sono quasi dimezzate, i prezzi sono scesi, secondo nomisma, del 16%. proprio per questa ragione si prevede un ulteriore discesa dei valori per l’anno in corso e per il prossimo, anche se a livelli più contenuti che in passato

tradizonale popolo di proprietari di casa, gli italiani continuano a credere nel mattone come investimento, anche se la difficile congiuntura economica, la chiusura del mercato del credito e prezzi non ancora allineati alla differente situazione del mercato remano contro. si può dire che la voglia di casa, c’è, e forse non se ne è mai andata, ma la paura ha frenato e continua a frenare la volonta d’acquisto